AMAZZONIA BRASILIANA – TERRA DI MISSIONE

ALAMIS ONLUS > Uncategorized > AMAZZONIA BRASILIANA – TERRA DI MISSIONE

AMAZZONIA BRASILIANA – TERRA DI MISSIONE

Il Brasile è un Paese immenso, in gran parte coperto dalla grande Foresta pluviale. Nel nord ovest, la maggioranza degli abitanti, il 73% della popolazione, vive concentrata in estesi agglomerati urbani, quali quelli di Belém e Manaus.

 Sono le città la sfida missionaria che le Suore sono chiamate ad affrontare attualmente.  Nelle periferie urbane si affollano i ribeirinhos, gli indigeni  che abitano lungo i fiumi, e ora i venezuelani, vittime di spostamenti interni e di una politica di sviluppo di un governo che esclude e uccide. Sono i “diseredati” che gridano “aiuto!”.

Sfortunatamente lo stato non ha piani per questa realtà.

La Chiesa si è messa in cammino e in sintonia con il Sinodo per l’Amazzonia ha abbracciato la causa degli oppressi.

Le Figlie del Sacro Cuore rispondono a questo appello e da Cidade de Deus, alla periferia di Manaus, nell’area missionaria di Santa Margherita da Cortona, si aprono all’accoglienza dei più miseri, indigeni e venezuelani, per ascoltare le loro storie, le loro sofferenze di emigranti costretti a lasciare la propria terra, la casa, gli affetti; per dare voce ai loro sogni, alle loro lotte, alle loro speranze.

“Ci sono circa 200 famiglie con un gran numero di bambini. Ci chiediamo cosa fare. Facciamo il primo passo: stare con loro, venezuelani e indigeni, e ascoltare…Stiamo facendo piccole cose, in questo piccolo posto, ma nella certezza che stiamo trasformando il mondo. All’inizio, la nostra grande sfida è comprenderli: prima ancora di imparare la loro lingua, comunichiamo con il sorriso, con i gesti … Li impegniamo con lavori di artigianato, animiamo i bambini con giochi e feste.”

Le Suore sono aiutate dai volontari dell’Area Missionaria che, oltre a sostegni materiali, offrono il loro tempo,impartendo lezioni di portoghese e di cultura generale ai più giovani, distribuendo golosi spuntini ai bambini.

“Questa è la Chiesa amazzonica, è una missione impegnativa, ma si sente che la vita rinasce, che circola, che va difesa. E’ bello quando le persone aprono gli occhi, le orecchie, il cuore alla compassione e danno tutto se stesse per amore”

 Sr. Delires e Sr. Rosane

X